Serie A - Tevez-Llorente: la Juve rimonta il Verona

La squadra di Conte ritrova la vittoria, piegando 2-1 un buon Hellas Verona, che era passato in vantaggio con Cacciatore. Decisivi l'argentino, migliore in campo, e lo spagnolo, al primo gol con la maglia bianconera. Doppio palo di Tevez, traversa di Pogba e rientro importante di Marchisio

Eurosport
Serie A - Llorente la risolve al 90': la Juventus prende il volo
.

View photo

L’attacco dei sogni, tanto reclamizzato in estate, sembra iniziare a carburare. Tevez e Llorente, alla prima volta insieme dall’inizio, trascinano la Juventus alla terza vittoria in campionato. I bianconeri, pur con qualche sofferenza di troppo, ritrovano il successo dopo i due pareggi con Copenhagen e Inter. Per piegare un positivo Hellas Verona, passato in vantaggio con il gol di Cacciatore servito da Moras al 36’, serve una rimonta rabbiosa nel finale di primo tempo, targata dai due grandi acquisti della campagna estiva bianconera. L’Apache, migliore in campo, è bravissimo a battere col destro un servizio in verticale di Bonucci. Lo spagnolo festeggia, con un grande stacco di testa su cross di Vidal, l’esordio da titolare in bianconero. 2-1, tre punti in classifica, che fanno salire la Juventus a 10 punti, due in meno della Roma capolista. La Juve c’è, ma non è una sorpresa. Grande prova, come spesso accade di Pogba e rientro di Marchisio, recuperato pienamente dall’infortunio.

SOLITA JUVE: MILLE OCCASIONI, PUNITA AL PRIMO TIRO – La lezione di Copenhagen non sembra essere servita alla Juventus. La squadra bianconera parte forte, domina e nonostante i vari Chiellini, Lichtsteiner, Vucinic tenuti a riposo, crea la solita infinita serie di palle gol. Il Verona, però, nel suo 5-3-1-1, in cui Jorginho appoggia Cacia, resta bene compatto dietro e lascia alla formazione di Conte solamente tante conclusioni da fuori. Ci provano Bonucci, Pogba, Tevez, Barzagli, ma la palla sembra non voler entrare. Tevez e Llorente, alla prima da titolare, nella prima parte di gara si cercano e si trovano poco e qualche veloce ripartenza veneta mette apprensione alla difesa juventina. Così, quasi inaspettatamente, a passare in vantaggio è proprio il Verona: calcio d’angolo al minuto 36, mischia in area, sponda di Moras e gol di Cacciatore. 0-1, con Isla e Ogbonna addormentati in mezzo all’area.

View photo

.

LA COPPIA GOL SI SVEGLIA: TEVEZ-LLORENTE E 2-1 – Lo svantaggio scuote la Juventus che con il fuoco negli occhi si riversa subito in avanti, quasi ferita dall’accaduto. Serve una gran giocata di Tevez a rimettere in parità la situazione. Bonucci infila dentro e al 40’ l’Apache fa passare la palla e col destro incrocia alla grande, non lasciando scampo a Rafael. 1-1 e quarto gol con la maglia bianconera di Tevez, il 3° su quattro gare di campionato. L’argentino è scatenato, tanto che dopo tre minuti scarica un altro siluro dal limite: doppio palo pazzesco, con la palla che danza sulla linea e finisce tra le braccia di Rafael. Però, proprio quando l’1-1 sembra essere risultato finale del primo tempo, Vidal (tocca a lui perché gli altri esterni non sanno crossare) si allarga a destra e dipinge un cross nel mezzo: Llorente conferma le sue abilità aeree e con uno stacco imperioso insacca il suo primo gol in bianconero. 2-1 e tutti negli spogliatoi.

RIPRESA DI CONTROLLO, RIENTRA MARCHISIO – Nella seconda parte di gara la Juventus controlla il vantaggio, tentando più volte di aumentare il gap con il Verona. Mandorlini inserisce Iturbe e Juanito Gomez, per tentare di alzare il baricentro della sua squadra, ma è ancora la squadra di casa ad andare vicina al terzo gol. Rafael stoppa Tevez, Pirlo, Pogba e i due neo entrati Vucinic e Marchisio (sembrato pienamente ristabilito). Pogba, con il solito siluro da fuori, colpisce anche una traversa, ma il risultato non cambia. Il 2-1 finale può far sorridere Conte e i tifosi bianconeri, che finalmente possono godersi la loro coppia gol. I 10 punti in classifica testimoniano che la Juventus c’è, è lì, pronta a giocarsi il terzo titolo consecutivo. Ma nessuno lo aveva mai dubitato e se i due davanti cominciano ad integrarsi (più Llorente che Tevez, visto che l’argentino è già un punto fisso) sarà comunque difficile togliere lo scettro di campione alla formazione bianconera.

***

Tutte le news di sport sono disponibili 24 ore al giorno anche via Facebook e Twitter sulle pagine ufficiali di Eurosport

View Comments (46)
Fantasy Premier League