Sochi 2014 - Cadute per Merighetti e Fanchini, Innerhofer quinto

Iniziate ufficialmente le attività a Sochi, lo sci alpino ha aperto con le prove di discesa. Tutto ok per gli uomini, ma non per le donne. La pista si è rivelata infatti troppo pericolosa e a farne le spese due azzurre, Dada Merighetti ed Elena Fanchini

Italpress
Sochi 2014 - Cadute per Merighetti e Fanchini, Innerhofer quinto
.

View photo

Mattinata movimentata per le discesiste impegnate nella prima prova sulla pista "Rosa Khutor Alpine Center". L'allenamento previsto per le ore 10.30 locali è stato interrotto dopo tre concorrenti per smussare un salto nella parte conclusiva del tracciato che risultava troppo pericoloso per le atlete. A rimetterci è stata Daniela Merighetti, uscita scomposta dal dente e caduta pesantemente. La finanziera bresciana lamenta un dolore al ginocchio sinistro e attualmente sta effettuando una risonanza, anche se dalle prime informazioni si tratterebbe solamente di una "tirata". Nel pomeriggio verranno effettuati ulteriori accertamenti. Alla ripartenza è stata l'austriaca Anna Fenninger a staccare il miglior tempo davanti alla svizzera Fraenzi Aufdenblatten e all'americana Julia Mancuso. Ventunesima Francesca Marsaglia, prima delle nostre, mentre Nadia Fanchini e' finita 27esima e Federica Brignone 37esima.

Oltre alla Merighetti, non ha preso il via Verena Stuffer, che era fra le tre concorrenti gia' scese prima della interruzione. "Secondo me bisogna saper assecondare molto bene tutti i dossi e le traverse che ci sono nella parte centrale del tracciato - è il pensiero di Nadia Fanchini al termine della prova - Se lì si passa bene si porta moltissima velocita' per la parte finale e si possono dare distacchi consistenti. Oggi ho fatto il contrario". Elena Fanchini è finita nelle reti, procurandosi piccole abrasioni sulla fronte, ma niente di serio. "Ho perso la linea e poi ho commesso un errore di valutazione finendo nelle reti. E' tutta colpa mia. La neve verso mezzogiorno comincia a mollare, ma credo sia normale con queste temperature. Alla mattina invece e' perfetta e si puo' sciare al meglio". Francesca Marsaglia ha studiato il percorso: "Bisogna interpretare al meglio la parte piu' tecnica e difficile perche' li' si puo' perdere la gara o forse vincerla. E' una pista divertente".

***

Nella prova maschile, il migliore era stato l'eterno Bode Miller, davanti a Patrick Küng e Matthias Mayer. Il nostro Christof Innerhofer ha chiuso col quinto tempo.

View comments (5)